Le montagne maledette: prologo

Diario di un breve viaggio nelle Montagne maledette, a confine tra Albania e Kosovo

Oggi parto per un viaggio, o per qualcosa di simile. Intendo dire che non si tratta di un viaggio di particolare lunghezza, uno di quelli in cui mi piace dilettarmi nel periodo estivo con un ambaradam tale di posti e di pretese da esuadire da far pensare quasi ad una campagna militare: questo somiglia maggiormente ad un raid, un blitz fulmineo e mirato da commando. Si, perche sento di aver una missione da compiere o meglio da completare. Negli ultimi dieci anni ho viaggiato in lungo e in largo in quella estensione geografica e culturale che va sotto il nome di Balcani: potrei scrivere una guida sulle capitali della intera area o sui parchi naturali della Croazia e della Serbia, elencarvi a memoria i nomi dei valichi di frontiera della Macedonia o dei passi di montagna della Bulgaria, disegnare se solo sapessi farlo uno ad uno i ponti in pietra della Bosnia o le anse del Danubio alla sua foce sul Mar Nero. Eppure mi resta una inaccettabile lacuna da colmare, un posto remoto e misterioso in cui non mi sono ancora andato a cacciare, una sorta di epicentro simbolico ai miei occhi di questo enorme cuore di tenebra dell Europa che sono i Balcani: si chiama Theth e non ci si arriva facilmente,

theh2

risulta in pratica piu agevole arrivare in Australia che a Theth.

Si parte dalla capitale Tirana, dove sono adesso gia (scuserete la accentazione inesistente e altri errori grammaticali ma scrivo da una vecchia tastiera programmata in lingua slava con caratteri diversi}, da qui ci si sposta verso nord in direzione del lago di Scutari, ove si tratta poi di raggiungere uno spicchio di esso dove si congiunge per via di un canale ad un altro bacino, quello della Drina che scorre dalla Bosnia: a questo punto sta da risalire il fiume su un vecchio battello arruginito tra gole altissime e scenari di bellezza maestosa

cover-komani-lake-ferry

Figurarsi che il Guardian inglese, fonte molto considerata dai viaggiatori amanti dell insolito, ha definito questo il piu bel viaggio in battello del mondo ecco il link

Al termine di questo viaggio in battello, giunti al confine con il Kosovo, vi aspetteranno o meglio mi aspetteranno due ore di fuoristrada fino ad una prima valle, chiamata Valbona,

"A Cross Marks the Trail to Theth, Albania"

ove soggiornare per poi ripartire, a dorso di mulo, fino ad un altissimo passo montano immerso in uno scenario lunare, da cui ridiscendere finalmente verso la destinazione

theth4

Sembra si tratti di un luogo davvero magico, immerso tra boschi e cascate e dove volano ancora le aquile, simbolo del paese. Il luogo risulta inaccessibile per molti mesi all-anno per via della neve che ostruisce i passi e la comunita locale ha imparato a vivere facendo a meno del mondo esterno, vigono usi e costumi assolutamente peculiari e fino a pochi decenni orsono persino una sorta di codice giuridico se stante, il Kanun, una sorta di legge del taglione. Ma niente paura: la ospitalita di queste comunita viene celebrata da tutti coloro che vi si sono avventurati tra questi valli.

Giorno per giorno provero a tenere aggiornato il diario di questa breve spedizione.

Si tratta del luogo con ogni probabilita piu isolato di tutta l Europa,

VLUU L310 W  / Samsung L310 W

un luogo che per la sua inaccessibilita nonche per le dicerie circa la gente che ha saputo divenire conosciuto con un nome sinistro e affascinante al tempo stesso: le Montagne Maledette.

 

 

Una risposta a "Le montagne maledette: prologo"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...