Le nozze in Savoia – giorno 2 : la Venezia delle Alpi

Non brillerà per originalità il soprannome conferitole ma indubbiamente non appare inappropriato ne immeritato, giacché la piccola Annecy è davvero uno scrigno di bellezza raccolto intorno ai suoi canali come la Serenissima

Sorge annidata in un angolo di un magnifico lago alpino, nello spicchio dove il fiume Thiou ne fuoriesce dividendosi in molti rivoli e canali. Il paese sorge proprio tutto sui lembi di terra e le intercapedini di terra lasciate dal fiume, dando luogo a una urbanistica così singolare e deliziosa. È da ipotizzare che tale collocazione sia dovuta al fatto che li l’acqua del fiume, già dotata di una sua forza permettesse alle ruote dei mulini di girare e azionare i telai. In via del tutto teorica infatti ad Annecy sono ancora molto pubblicizzati prodotti di sartoria locale. Dico “teorica” perché francamente, a voler trovare un difetto al luogo, diciamo subito che ha un’impronta un po’ troppo turistica per garantire la genuinità di prodotti tipici e lavorati in loco, e la gran parte dei prodotti esposti, dai vestiti si cappelli per finire agli onnipresenti formaggi, “puzzano” un po’ troppo di cianfrusaglia per turisti scemi.Un passato di fervido artigianato e professioni antiche è comunque individuabile ad Annecy, nelle testimonianze dei suoi ben conservati palazzi.

Ma l’attrattiva che cattura lo sguardo e incanta rimane pur sempre la vieux ville con la sua disposizione fiabesca sui canali, tra i quali girare a zonzo per ore fermandosi a bere un calice di vino o gustare una crêpes savoiarda (un’orgia di formaggio, come d’altra parte la fondue, la raclette e altre specialità locali).

Poi se proprio si riesce ad essere stanchi della città vecchia, si può sempre ripiegare sul bellissimo lago a poche decine di metri, incastonato tra le Alpi d dal colore verde smeraldo.

Estremamente gradevole anche l’albergo dove ho soggiornato, in un palazzo un po’ malandato ma dove trovano ubicazione una serie di stanze tutte arredate, ognuna a suo modo, con un gusto estremamente singolare dalla proprietaria giramondo, che serve la colazione nella cucina di casa piena di monili recuperati a diverse latitudini del pianeta

Insomma, decisamente un bel posto questa Annecy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...