Dove nascono i giganti- giorni 7 e 8: il villaggio dei giganti

Inizio l’ultimo capitolo di questa emozionante storia con un’altra fiaba, quella di due giganti, fratelli tra loro e che un tempo vivevano qui uno difronte all’altro, il primo sull’isola di Mykines ed il secondo sul remoto promontorio ove oggi sorge il villaggio di Gasaldur. Essi placavano il loro insaziabile appetito cibandosi delle pecore e degli umani, che terrorizzati provavano a sfuggire loro vivendo nelle grotte; o meglio provavano a saziarsi, giacché uno dei due un giorno, avendo terminato il cibo a sua disposizione, prese a chiedere a gran voce al fratello sul promontorio di lanciargli del cibo. La risposta del fratello non si fece attendere: non cibo bensì massi, enormi massi prese a lanciare verso il mare come un nordico Polifemo verso la galea di Ulisse in fuga. La scorbutica risposta dovette adirare non poco l’altro ciclope che, accecato dalla fame, con un lungo balzo atterró sul promontorio e prese a lottare sanguinosamente col fratello. Combatterono per sei giorni e sei notti fin quando fu il primo, quello saltato da Mykines a prevalere e uccidere l’altro, il cui sangue prese a sgorgare copioso ed inarrestabile originando questa straordinaria cascata Il villaggio di Gasaldur, situato appena sopra di essa, era fino a solo quindici anni fa il più irraggiungibile di tutte le Far Oer: situato all’estremità di una lunga striscia di terra che si perde nell’oceano dell’isola di Vagar, distava dal porto di Sorvagur 13 interminabili chilometri di sentieri esposti alle intemperie e che dovevano scavalcare altissime montagne. La leggenda della lotta dei giganti offre un riscontro del tutto reale e ancor oggi tangibile, che con commozione apprendo da una donna locale: l’irraggiungibile villaggio di Gasaldur fu fondato da un gruppo di balenieri della frontaliera isola di Mykines (il gigante che balza spinto dalla fame) e ancora oggi esiste un accordo tra le due piccolissime comunità per la spartizione del pescato nei terribili mesi invernali. Solo nel 2004, dopo l’agonia di un bambino, costretto col padre ad attraversare l’altissima montagna che sovrasta il villaggio per ricevere soccorso e morendo lungo il cammino nella tormenta ci si risolse alla costruzione di una strada con il più sicuro porto di Sorbagur e soprattutto allo scavo di un tunnel che bucasse quella montagna della morte. Io nondimeno, sprovvisto di automobile e a corto di generosi sostenitori dell’autostop, non ho altra alternativa che sobbarcarmi il cammino a piedi ma sulle prime va bene: il percorso è di una bellezza ammaliante e poco importa se piove e fa freddo l’unica preoccupazione è questo famigerato tunnel finale di tre km da fare al buio che potenzialmente potrebbe accendere il mai sedato demone della claustrofobia, oltre ad essere piuttosto pericoloso. Ma col solito mio culo becco un passaggio proprio all’imbocco di esso. Ed ecco sotto di me Gasaldur, gemma nascosta e finale delle Far Oer con la sua cascata Mulaffosur

La bellezza è davvero senza uguali, lascio parlare le immagini

La cascata che sgorga dal sangue dei giganti, i massi scaraventati nel mare nella pugna, una squisita fetta di torta alle bacche silvestri come ristoro. E poi…e poi lui: lo stronzo autostoppista polacco beccato due giorni prima dall’altro capo delle Far Oer, con cui condivido la fatica e la difficoltà a rimediare passaggi su strade deserte!!!!! Non so se lo ricordate, era quello che sosteneva una sorta di diritto di prelazione sui posti dove fare Autostop e si era inquartato perché non osservavo le sue balorde prescrizioni. Naturalmente non risponde al mio saluto e stavolta me la lego al dito : si sta facendo tardi, stanno da percorrere i 13km del ritorno, tra cui i tre sotto il famigerato tunnel e nel paese sono rimaste pochissime automobili che faranno ritorno. Lui si apposta tutto arcigno e bellicoso com’è Lewandowski in area di rigore all’imbocco del tunnel, motivato a “difendere” la sua zona di pesca con ampi gestacci. Io agisco di astuzia: faccio il vago e non replico alle sue volgari provocazioni, mi dirigo nella direzione opposta all’unico spaccio del paese dove servono la squisita torta di bacche e prendo a leccare sfacciatamente il culo ad una famiglia di texani che portano in viaggio premio la figlia appena graduata alla high school di Dallas, dispenso preziosi consiglio circa lo studio della giurisprudenza che la giovane vorrà intraprendere al ritorno negli States….e a sto punto un passaggio per il Palillo ci scatta matematico. E quando ci avviamo e raggiungiamo la sua zona di “pesca” distratto Tim il texano al volante indicando un uccello che vola alto dall’altra parte, in modo da distoglierlo dall’idea di caricare sto gaglioffo da due soldi a bordo. Eccolo qua me lo immagino ancora la bello solo soletto, lui i suoi teleobiettivi a fotografare le pecore sotto la pioggia. Ahahhha, fattela a piedi, pirlaaaaaaaa!!!!!!! La sera la trascorro in una meravigliosa casetta in legno col tetto in erba ma tutto qui è dolce e incantato il giorno dopo avrei l’aereo ad ora di pranzo ma sento di non poter andare via senza aver ancora solcato l’erba di queste isole incantate. Così sveglia in piena notte, anche se c’è luce ovunque e a rotta di collo verso un’ultima gita in montagna.immerso nella bellezza senza tempo e spazio delle Far Oer. Nel pomeriggio volo a Copenaghen e faccio pure in tempo, nello scalo, ad attraversare il ponte sull’Oresund e mettere piede in Svezia, nella città di Malmoema è nulla confronto alla bellezza selvaggia e primordiale delle isole. Ricordo ogni istante di questo viaggio magnifico; ormai sono in Italia e dopo tanti giorni riassaporo qualcosa di mai visto in questi giorni, il buio. Ma la luce delle Far Oer si irradia nel mio animo, oltre l’orizzonte,oltre questo mare che ammiro dalla mia isola e oltre mille mari ancora, verso quelle terre lontane e arcadiche, ove nascono, vivono e muoiono i Giganti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...