El mundo perdido – giorno 2: i peggiori bar di Caracas

Al mitico allenatore giramondo Vujadin Boskov, maestro di calcio e di vita, è attribuita una massima bellissima: ” Se uomo preferisce stare con sua fidanzata invece che con birra ghiacciata davanti televisione quando gioca finale di Champions League….forse vero amore, ma non vero uomo”

Ecco provando a mutuare anzi ad emulare la saggezza di cui era depositario e quella arguzia da personaggio del Decamerone slavo quale era, mi verrebbe da dire ora, cambiando completamente contesto: “Comunismo è quel sistema politico che quando tu ti trovi , poi subito sogna donna con bigodini in testa davanti a televisione che trasmette Grande Fratello mentre figli obesi mangiano patatine Mac Donald e giocano PlayStation invece di andare scuola”

Si, il mio rapporto col socialismo reale, quello visto da vicino, non è dei migliori. Ma mi sentirei di sbilanciarmi e dire che per gran parte degli occidentali di ultima generazione, certe logiche e una certa cultura della privazione sottesa alle dinamiche, vale subito ad innestare una reazione di segno opposto che ti fa rimpiangere gli aspetti anche più stupidi e beceri del consumismo più schiattato e pacchiano. Oddio sinora ne avevo visto degli esemplari morti:tutti i paesi dell’ex area sovietica , la Cambogia, il Vietnam o qualche d’uno con qualche retaggio ancora permanente come il Laos. Ora mi trovo in un paese che almeno nelle intenzioni si dichiara “repubblica socialista” come il Venezuela, aggiungendovi vicino quel “bolivariana” che sa più di nazionalismo e sovranismo che di socialismo ma tant’è,’ certe storture finiscono per somigliarsi sempre . D’altra parte Maduro, nel suo agitarsi e argomentare terra-terra ricorda molto più un Salvini che un leader sovietico, e tutto l’onda ormai agonizzante di socialismo alla sudamericana degli ultimi venti anni è intriso di un forte nazionalismo populista. Ad ogni modo, senza perderci in un trattato di scienza politica, limitiamoci a dire che quella attuale pare una Babele anzi una spirale che ha di fatto sprofondato il paese nel caos. È un caos economico, civile e anche sociale, con la vecchia aristocrazia locale travolta da una nuova classe dirigente legata al presidente e antitetica alla precedente anche da un punto di vista etnico : bianca e di diretta estrazione europea la vecchia, nera e mulatta, legata agli apparati militari e di gestione del potere la nuova.

L’aeroporto di Caracas è già di sua una finestra abbastanza triste e nitida della situazione del paese: nel lungo, infinito scalo che mi devo sciroppare provenendo d a Bogotà e con destino Isla Margarita, ho modo di assaporare tutto il difficile momento del paese, per usare un eufemismo. Più che altro il luogo, neanche troppo impermeabile rispetto all’esterno ove la situazione è comunque peggiore, appare informato ad una logica di contrappasso dantesco. Una sorta di Purgatorio dove, in attesa di voli verso altri destini che forse o molto spesso non partiranno mai, imperversa il supplizio cui è condannato il personaggio di Sisifo: vedere ma non toccare. Appena all’ingresso vi è una processione di bancomat con disegnati i loghi dei principali circuiti bancari mondiali ma nessuna di quelle macchinette emette da anni una sola delle svalutatissime banconote locali ne altra valuta; vi sono allora gli uffici di cambio, dove però avvenenti quanto ingenue signorine ti dicono che non hanno possibilità di cambiare manco 10 dollari, che corrisponderebbero in bolivar locali al corrispondente in dimensioni di un bagaglio di quelli non consentito da portare a mano; ci sono ovunque in vendita sigarette ma un editto a caratteri cubitali del Ministro del Potere Popolare proclama che ovunque il fumo è bandito nell’aeroporto (e posso capire in effetti). Ah, e poi stanno loro, i peggiori bar di Caracas: birra e whisky pubblicizzati ovunque, di quelli che ti farebbe davvero piacere sorseggiare per ingannare il tempo e lo sconforto di ore di ritardi e cancellazioni, ma…….non ne è possibile al momento la vendita al pubblico. Ah, parlavo di ritardi e cancellazioni: ad un tratto compare una bella scritta sul tabellone luminoso dei pochi, pochissimi voli previsti in giornata. Il nostro volo è cancellato, anzi no, anzi si di nuovo,’forse è spostato alla sera tardi,’forse al mattino dopo. Naturalmente vale anche qui il supplizio di Sisifo e ogni tanto passa qualche impegato o un’hostess della compagnia che, in mancanza di un ufficio o di una comunicazione, fornisce la sua versione dei fatti : “partiamo tra due ore, anzi tra 5, forse vi offriamo uno snack anzi no”…..Tutto difficile assai a immaginarsi secondo standard europei ma vale a farmi realizzare che sono all’equatore e non sono certo venuto quaggiù a fare il pensionato tedesco fuori porta che sta a reclamare sugli standard qualitativi della Lufthansa o della Swiss Air. Oddio,ad ogni modo, senza fare troppo gli scassacazzi, una risistematina dell’Ufficio controllo di volo locale, con annessa revisione degli aeromobili e controllatina delle licenze di volo concesse, la farei……Alle dieci di sera, dopo che il vulcanico pilota dell’unico velivolo al momento reperibile della mirabolante Avior Airlines ha deciso di andare prima ad un posto chiamato Barcellona, poi ad un altro in Amazzonia detto Puerto Ordaz e poi tornare indietro a prenderci, partiamo. Le ore di attesa in aeroporto ammontano a circa undici ma ad un certo punto si preventivava peggio.

A bordo tutto appare informato ad criterio del fare presto e dell’amichevole complicità che si innesta quando un amico ti da uno strappo a tre sulla vespa o in sei in una panda, avvertendoti: “se vedete una volante dei carabinieri o i vigili abbassatevi e fate finta di niente”.

L’eleganza e la meticolosità nella cura dei dettagli all’interno mi ricorda quegli aliscafi scassati di fabbricazione russa degli anni ’80 in servizio sulla rotta Capri- Sorrento o meglio ancora un sottomarino sovietico anni’50. Non vado oltre nella descrizione. Ci si stipa alla meno peggio e si parte,’tempo di volo previsto la metà dell’ora da stima iniziale, si vola a quota molto bassa forse per fare presto, atterraggio che pare una panzata di un ippopotamo in una jacuzzi ma siamo fuori. Ecco, Isla Margarita. La musica, il mojito. Ora la festa può avere inizio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...