Il Vello d’oro – giorno 13: Istanbul, porta liquida d’Oriente

Giorno 13
Istanbul, porta liquida d’Oriente, con le tue sponde adagiate sul Bosforo come le labbra di una vagina e in mezzo sta il clito del Corno d’oro. Istanbul sa essere tutto, reggia da mille e una notte e letamaio, calda e fredda, ricca e miserabile. Vi ritorno dopo 15 anni, il che equivale a dire che vi giunsi che avevo da poco passato la ventina e da allora ne conservo un ricordo incantato poiché la trovai magica. Ma a 20 si trovano magiche molte cose ed è bello così, io ricordo che trovavo magico pure andare ad un concerto a Roma e dormire in stazione fino alle 5 di mattina quando partiva il primo treno….nondimeno Istanbul e’bellissima ancora adesso, intendiamoci, e credo di esservi passato in un momento particolare della sua storia millenaria. Tutto adesso sembra bagnato da una nuova ricchezza, un’opulenza sorprendente e inaspettata . A milioni le persone sciamano sulle avenue principali tra una fila infinita di banche e negozi di grande catene, i nuovi ricchi venuti qui da ogni angolo della Turchia a bordo dei loro Suv sembrano non credono ai loro occhi quando realizzano che e’venuto il loro momento a potersi sedere ad un ristorante all’ultimo piano di un grattacielo a mezzanotte e ordinare una bottiglia di champagne, invece di mangiare alle 18 e 30 dietro la cucina e sciacquare poi i piatti di quelli venuti dopo. Costantinopoli e’ da secoli un gigante che a volte si allarga a volte si contrae. Quando si allarga, assorbe dentro di se molto del mondo circostante, allungando i tentacoli anche in Europa : ho cominciato ad avvistare il gonfalone di Costantinopoli gia dalle coste albanesi, con le banche turche le uniche sul terreno. Poi dentro i Balcani era una processione di camion turchi, di ditte edili turche, progetti di sviluppo turchi. Qui e’l’epicentro di tutto cio’, la parte di filetto piu pregiata della vacca. Un cameriere curdo scappato qui dall’Iraq guarda a tutto ciò’ come ad un paradiso e benedice il premier turco Erdogan, a suo dire autore di questo miracolo e per il quale ha una venerazione simile a quella verso un faraone. Io azzardo un paragone tra Erdogan e Berlusconi ma non certo per eventuali miracoli e lui mi risponde che no, assolutamente no! Uno così, un vecchio mafioso che va a letto con le minorenni nel suo villaggio in Kurdistan l’avrebbero appeso per le palle! Berlusconi is like Saddam Hussein, not like Erdogan! E dalle parti sue pare che nessuno riesca a spiegarsi come un paese evoluto e civile come l’Italia sia ancora alle prese con un personaggio del genere. Neanche in Iraq riescono più a spiegarselo. A suo dire inoltre Erdogan e’amato e venerato dal 95% della popolazione turca, solo un 5% lo osteggia ed sarebbe quella esigua minoranza che ha dato luogo ai disordini del Geci Park. Nondimeno quel 5%, posto che sia solo tale, si vede eccome se si vede. Lontano ma non troppo dallo scintillio delle strade principali, nel quartiere bohémien di Beyoglu centinaia di giovani si assiepano a terra sotto la torre di Galata la sera e, ad un dato segnale, si scambiano un bacio tra persone dello stesso sesso. Può sembrare un gesto estemporaneo privo di senso ma le cose stanno diversamente a queste latitudini, dove teoricamente si rischia l’arresto per una cosa del genere. La nuova borghesia intellettuale turca si ritrova qui, in minuscoli caffè abbarbicati lungo le ripide discese che dalla torre di Galata portano giù al ponte; in poche centinaia di metri conto una ventina di librerie, decine di gallerie d’arte e mostre di fotografia e il clima e’quello di una metropoli occidentale, con giovani che diffondono volantini e opuscoli antigovernativi. Sarà forse il prodotto anche questo della nuova ricchezza: non mi piace pensarlo ma trovo che a volte particolari evoluzioni e fasi di sviluppo del pensiero siano per così dire innescate dalla prosperità economica. La ricca Firenze dei mercanti diede vita al Rinascimento, la potente e agiata Atene creò la filosofia e diede impulso alle arti, il boom economico in Italia precede il ’68. Ecco, qui il clima mi sembra vagamente quello che precede il 68, la nuova intellighenzia turca si ribella alla rigida educazione conservatrice dei padri.
Poi oltre il ponte sta il Corno d’oro, la parte museale sempre bellissima e il cd centro storico, che forse non è proprio più tale. Sarebbe l’area dei bazar, i secolari bazar di Istanbul raccontati da migliaia di viaggiatori ove si scambiano merci e spezie di ogni sorta. Vi dirò, il Bazar egiziano, quello delle spezie, e’rimasto come lo ricordavo un luogo autentico, mentre il più famoso Gran Bazar, un labirinto di vicoli e negozi senza fine sotto i portici, mi è parso abbastanza posticcio, un posto ove per lo più si rimedia in vendita la stessa cianfrusaglia cinese che trovi in ogni quasi ogni angolo della terra. Ma qui ritrovo ad un ogni modo un qualcosa che avevo perso di visto,sono gli italiani. Gli italiani li avevo persi di vista sulla nave per la Grecia alla partenza, nella mia percezione ormai pare un secolo fa, poi dentro i Balcani di loro non vi ho trovato traccia, qui ricompaiono in pletora e paiono assai contenti, entusiasti di trovare le stesse stronzate che trovano pure sotto casa loro. Una cosa su tutte sembra rapirli: il falso, le borse o altri gadget simili contraffatti. Quando tra secoli i sociologi studieranno questa ossessione e attrazione morbosa per il brand e addirittura per la sua copia falsa, credo che forse si scoprirà una cosa: secondo me il falso tira così non solo per, come si può pensare in prima analisi, chi lo compra vuol far credere all’altro di essere sufficientemente ricco da poterselo permettere. Secondo me c’è un motivo ulteriore, più intimistico, personale: il falso piace a chi lo compra per un motivo scaramantico, e’un modo per esorcizzare la miseria, come un corno portafortuna o qualcosa di simile. E tra gli italiani, qual è infatti il popolo scaramantico per eccellenza, che più scaramantico non ce ne sta? I napoletani ovvio! Difatti qui nel Gran Bazar i napulegni battono in numero cospicuo, decisi e competenti sul mercato del Pezzotto, sanno riconoscere cuciture, varie qualita di pellame, ingaggiano contrattazioni che sembrano dei corpo a corpo coi mercanti ottomani, dove uno parla turco e l’altro napoletano stretto ma ovviamente si intendono alla perfezione. Non vi è luogo al mondo che lascia percepire meglio la derivazione turca di noi meridionali. I napulegni se la giocano alla grande, sembrano avere la convinzione della squadra emergente che va al Santiago Bernabeu sentendo di potercela fare, e chillo e’o pezzott da Vuitton cinese, e chist e’ a stessa stoffa da Hoga’n favesa, o Pirellino gv, o Pirellino 2 e venti ( suppongo si tratti di occhiali da sole) . C’è una coppia di napoletani che pare voglia fare una sorta di lista di nozze qui. Intendiamoci questa qui non è la manfrina cui si può assistere pure in un villaggio turistico della Tunisia o del Mar Rosso, ove uno studente per arrotondare entra vestito da beduino e comincia a inscenare quella puchiarella del tira e molla sul prezzo coi turisti per vendergli delle collanine. Qui e’una roba più seria, i napulegni sono interessati a grandi partite di merce e per entrambe le parti in causa vi è un forte motivo di orgoglio. Ricorda la lotta tra la mangusta e il cobra, cui una volta ho assistito in Cambogia presso dei tizi per strada. Il Cobra si erge maestoso e punta la mangusta in un angolo avventandosi sopra con velocità ed esperienza, ma la mangusta e’ancora più veloce e scappa pochi cm oltre, il cobra si rialza e riparte, la mangusta scappa ancora ma sempre e solo di pochi cm, il cobra attacca ancora ma poco dopo e’ sfinito e crolla a terra: solo allora la mangusta di lato lo morde e gli stacca il collo. I Rettili ottomani, che stanno qui da sette secoli, attaccano ribassano e rialzano il prezzo, ma le manguste napoletane scappano ribaltano la discussione, tirano fuori borse false fatte meglio a Napoli. Alla fine, quando intorno si è fatto un capannello enorme, i napulegni se ne vanno via tutti bardati di occhiali di Prada, borse Vuitton e altri ammenicoli simili. Camminano fieri scambiandosi il cinque e fotografandosi coi nuovi gadget indosso. Secondo loro, la mangusta ha mangiato il cobra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...