L’orizzonte perduto – Giorno 21 : “Solo le montagne non si incontrano mai più”

Nel mio primo viaggio in Nepal, ben 13 anni fa nel 2005, in compagnia della cara amica Annalisa e di mio zio Umberto, finimmo per legare con una esperta guida tibetana locale, Shiva Simkhada. Il Nepal è uno dei pochi posti della terra dove ha un senso a mio avviso affidarsi ad una guida: non stiamo mica parlando di una scontata guida turistica, qui il ruolo riveste uno spessore culturale, ci sono gli “sherpa”, coloro che sanno condurti negli anfratti e per i sentieri accidentati di questo paese a buon titolo definito “il tetto del mondo”. Lo sherpa è qualcosa a metà tra una guida ed un maestro dell’anima. Se vuoi capirci qualcosa di questo pezzo di mondo insinuato su montagne 4 volte più alte delle Alpi, dove si fondono le divinità hindu e quelle buddiste, dove Buddha è fisicamente nato e ogni villaggio pare un mondo a se stante, non leggere internet: trovati uno sherpa.

Quando 13 anni orsono ci congedammo dal nostro sherpa, io pensavo ad un addio e giammai ad un arrivederci ma lui mi disse: ” Amico mio, solo le montagne non si incontrano mai più” E’ un adagio nepalese che allude alla ferma imperturbabilità delle montagne eterne che poggiano in questo paese in confronto alla piccola vita degli umani sottostanti, destinati invece prima o poi a rincontrarsi. Quindi ora ho davanti una settimana poco meno per godermi la magnifica Katmandu, uno dei posti piu belli della terra con la sua Durbar square che è forse la piazza più bella del mondo poi farò un salto giù nel selvaggio Chitwan tra tigri e rinoceronti nella giungla a confine con l’India. Poi forse saliró verso il massiccio dell’Annapurna sostando sul magnifico lago glaciale di Pokhara ma sarà alla fine mio amico sherpa Shiva a condurmi tra le montagne eterne, di fronte al tetto del mondo, dove potrò dare un senso finale a questo magnifico viaggio e portare finalmente a casa qualcun’altro che è con me sin dalla prima tappa, dalla Thailandia. Pare essere passato un secolo . Avanti così, solo le montagne non si incontrano mai più. Lassù sulle nevi eterne dell’Everest, l’orizzonte perduto comincia a dipanarsi