Northern lights – Uppsala, un quadro di lontananza

Un modo abbastanza usuale per descrivere un luogo e perlomeno per
cominciare a farlo e´quello di appiccicarsi una immagine metaforica o
meglio dire allegorica, spesso mutuata dall´iconografia femminile.
Cosi´, se Stoccolma era una nordica sirena protesa sulle acque,
l´immagine più che mi sovviene per questa Uppsala e´quello del cd
“quadro di lontananza”, definizione sovente abbinata a donne o anche
uomini ( lo hanno detto spesso anche a me) che paiono belli visti da
lontano o in foto, poi da vicino…..nzomm.
Ecco Uppsala “la dotta”, capitale culturale del paese con la sua
università considerata da alcuni la più antica del mondo (primato per
la verità rivendicato da Bologna), cuore pulsante della enorme
attività di ricerca e di studio di questo paese colto e che ha dato
ovviamente i natali o perlomeno e’ divenuto la casa di molte eminenze
del pensiero e della scienza. Spicca tra essi Carol Linneo, il biologo
che si pigliö la briga di dare una classificazione a tutte le specie
di flora e fauna al suo tempo conosciute. Ma l´ínteressantissimo museo
a lui dedicato, pieno di ammenicoli, animali imbalsamati e stranezze
provenienti dai 5 continenti. e´chiuso per restauro, cosi come moltr
altre attrattive del posto, probabilmente per la bassa stagione. Cosi
da vedere resta poco come il grazioso centro storico snidato lungo le
anse di un bel fiume che lo attraversa, tra il fogliame rossastro e
migliaia di castagne riverse al suolo. La città e´pervasa da un
gradevole e allegro clima studentesco, essendo sede di oltre 40.000
studenti, e capita di imbattersi in carovane di giovinastri tedeschi
vestiti in stile Oktober fest parecchio avanti con le birre gia dalle
prime ore del giorno, ed il ricordo va a quando mi imbatte´anni orsono
in un´analoga coitiva in quel di Firenze, finendo poi di li a poco a
fare i versi del cavallo e i passi di dressage ein- zwei- dei galopp!
con una di esse appassionata di questo sport…ma sono ricordi di una
gioventù ormia lontana. Il problema di fondo e che piovono i cani
morti da cielo e fa uno sfaccimma di freddo , combo che spegne presto
gli entusiasmi facendomi rippiegare in una davvero bella osteria dove
mi cimnto con l´eccellenza della cucina svedese nella sua versatilità
tra terra e mare: zuppa di aragosta e per secondo polpette di alce,
binomio inslito quanto soddisfacente. In un+ansa del fiume raccatto
pure uno studente assai avanti negli anni bello intorzato di sidro di
mele, che mi racconta di essere stato messo alla porta dalla moglie e
ha deciso di passare il sabato all´addiaccio sotto la pioggia. Statt
buon. Nella piazza del paese una manifestazione della comunità di
immigrati armeni che protesta contro l+aggressione militare da parte
del vicino Azerbaijan, luoghi ricordo di viaggi passati. Tutta la
città ospita una eterogenea comunita di immigrati medio- orientali
per un modello di integrazione che pare meglio riuscito che altrove.
Nel complesso un posto gradevole ma un po spento