L’orizzonte perduto – Giorno 18 : Hoi An, un anagramma di storia e bellezza

Bene, cominciamo subito col rivelare quale potrebbe essere mai quest’anagramma: semplice Hoi An, mia meta di arrivo, è l’anagramma della mia meta di partenza Hanoi. Simpatico no? Poi sarebbero possibili pure altri anagramma, il più criptico dei quali potrebbe avere come frase introduttiva ” la prima aspirazione del Califfo” (inteso come Franco Califano”: dunque come prima aspirazione avremo non ciò a cui state pensando ma la lettera aspirata H……e tutto il resto è noia (restano le lettere OI AN). Think palillians! Detto questo Hoi An è davvero bellissima: adagiata su un ansa dell’omonimo fiume, si compone di due parti su diverse isolette fluviali unite da ponti. Già i ponti i ponti sono la migliore chiave d’interpretazione per capire Hoi An. Questo bellissimo in foto è il famoso “Ponte coperto giapponese”, una sorta di Ponte Vecchio in salsa nipponica nel senso che come quello fiorentino ospita al suo interno spazi coperti e alloggi che erano la dimora dei mercanti giapponesi. Altri mercanti venuti dalla Cina provvidero invece ad edificare il più grande Ponte Cinese nei cui dintorni decine di barchette si agitano in antichi traffici e più recenti giri turistici. La città è storicamente infatti sede di mercanti sin dai tempi di Marco Polo: i venditori di seta venivano qui da ogni angolo dell’Asia per scambiarla con spezie o venderla a qualche intrepido mercante europeo. Molte infatti le abitazioni in stile francese Ma le case più belle di mercanti sono quelle che appartenevano alle ricche corporazioni di mercanti cinesi, simili quasi a dei templi Erano le sedi di gilde di mercanti divisi per regione di provenienza: quelli del Fujan, dell’isola di Hainan, del Guanzhou e fungevano anche da sacrari religiosi e tribunali. Il per la casa-bottega più bella va comunque ad un mercante locale, un certo Tan Kydi famiglia poverissima e rimasto orfano in giovane età, Tan Ky riuscì a mettere su un’enorme fortuna col commercio di seta, oltre a rivelarsi un benefattore ed un mecenate per la sua comunità. Alla sua morte migliaia di persone da ogni angolo del Vietnam portarono doni nella sua bellissima casa in legno pregiato.

Hoi An è davvero bella e come tutti i posti belli paga un dazio all’enorme sviluppo turistico ma ha saputo ad ogni modo mantenere la sua identità . Poi se il caldo opprimente diventa insopportabile, potete fare sempre un salto sulla bellissima spiaggia di An Bang, di fronte alle remote isole Cham paradiso dei sub per i fondali ricchi di coralli e pesci tropicali. Sorge nei pressi anche il bellissimo sito di My Son, antica capitale del regno ChamE poi sta la ricca cucina locale, una tradizione secolare che inventó secoli orsono il genere cd fusion. Specialità della casa ?nientedimeno il “totano abbuttunato”! Qui però lo guarniscono con carne di maiale, che con 35 gradi anche di notte e umidità vicina al 100% non se ne scende proprio easy ma va bene lo stesso.

Visitate Hoi An!